Per chi vanno bene i migliori pneumatici quattro stagioni?

I migliori pneumatici quattro stagioni hanno avuto una rapida diffusione in diversi paesi europei. Si tratta di pneumatici che, pur rinunciando a fornire prestazioni straordinarie, rappresentano un buon compromesso per poter circolare in qualsiasi periodo dell’anno con soddisfacenti margini di sicurezza.
migliori pneumatici quattro stagioni
I migliori pneumatici quattro stagioni sono indicati soprattutto per le persone che non amano dover montare pneumatici invernali prima della stagione fredda e, successivamente, smontarli all’inizio della primavera. Il 65% degli automobilisti residenti nel territorio europeo non sostituisce gli pneumatici estivi con gomme invernali, con evidenti rischi sul piano della sicurezza. Usare pneumatici quattro stagioni può ovviare al problema.
A definire i migliori pneumatici quattro stagioni sono soprattutto due elementi:
• la mescola si distingue per un maggior contenuto di silice rispetto alle gomme estive; la silice è importante, in quanto mantiene la mescola morbida anche nel caso di temperature inferiori ai 7 gradi centigradi;
• il disegno del battistrada, se confrontato con quello delle tipiche gomme estive, evidenzia un numero maggiore di lamelle e dei canali per l’espulsione dell’acqua più marcati.
Con tale accorgimenti le gomme riescono ad assicurare una migliore aderenza anche su fondo bagnato e ghiacciato, avvicinandosi agli pneumatici invernali. I produttori cercano comunque di inserire un numero di lamelle non troppo elevato, per evitare che si verifichi un attrito eccessivo che le deteriorerebbe velocemente durate la stagione estiva.

Pneumatici Quattro Stagioni tradizionali
Negli ultimi anni i maggiori costruttori di pneumatici hanno presentato le gomme 4 stagioni come i pneumatici perfetti per tutta la loro vita, in grado di fornire la giusta trazione in tutte le stagioni, attraverso la pioggia di primavera, il calore dell’estate , il freddo e la neve d’inverno.
Questa ottima promessa ha reso i pneumatici 4 stagioni molto popolari, molti consumatori sono diventati familiari con il termine All Season e reso questa tipologia di pneumatici tra i piu’ richiesti sul mercato.
I veri pneumatici invernali
La tecnologia dei pneumatici invernali negli ultimi anni ha fatto passi da gigante. La progettazione di un nuovo pneumatico invernale rappresenta per i progettisti di pneumatici il compito più ambito. E le prestazioni degli ultimi modelli immessi sul mercato e testati da riviste automobilistiche ed associazioni di automobilisti hanno espresso risultati eccezionali in termini di grip sul bagnato, su neve e ghiaccio (potete consultare l’elenco dei più recenti pneumatici termici vincitori dei test su strada). Basti pensare che i moderni pneumatici invernali garantiscono una aderenza sul ghiaccio superiore ai pneumatici chiodati di una volta.
foto-neve
I veri pneumatici invernali riportano sul fianco il pittogramma di un fiocco di neve che si staglia su di una montagna a tre punte.
I pneumatici termici o pneumatici M+S con fiocco di neve sono dotati delle seguenti caratteristiche:
• mescola del battistrada ricca di silice che rispetto ai pneumatici estivi permette di mantenere il pneumatico morbido anche a basse temperature (inferiori a 7 gradi centigradi), e di raggiungere la temperatura di esercizio piu’ velocemente,
• disegno asimmetrico nel caso che il pneumatico voglia massimizzare le performance sul bagnato, o disegno direzionale a freccia per massimizzare le performance sulla neve.
• tasselli lamellari, la presenza di lamelle (oltre 4000 per pneumatico) a molteplici funzioni,
o aumenta la superficie di contatto con il suolo (fino a 320 metri quadrati per pneumatico),
o mantiene più elastici i tasselli,
o in caso di pioggia hanno un maggiore effetto drenante, garantendo una migliore aderenza sull’asfalto,
o in caso di neve aderiscono e raccolgono la neve producendo un effetto “palla di neve”, saldandosi con lo strato di neve e garantendo una presa sicura sul manto nevoso indipendentemente dal suo spessore.
Queste caratteristiche rendono questi pneumatici perfetti per il periodo invernale, ma in estate il maggior numero di lamelle produce maggiore attrito, ed il piu’ alto contenuto di silice fa surriscaldare piu’ velocemente i pneumatici, con la conseguenza di accelerare il deterioramento del pneumatico.
Conclusione
Detto che i pneumatici invernali hanno le migliori prestazioni di tenuta su strada e frenata su bagnato e neve, e detto che i pneumatici estivi hanno le migliori performance quando l’asfalto e’ asciutto e le temperature elevante, e’ altrettanto vero che i pneumatici quattro stagioni sembrano consentire un risparmio economico rispetto all’acquisto di due treni di gomme, uno per il periodo invernale ed uno per il periodo estivo.
Se percorrete molti km l’anno, ed esaurite due treni di gomme, uno estivo ed uno invernale, nel giro di 2 o massimo 3 anni, scegliete pneumatici invernali in inverno ed estivi in estate, scegliere pneumatici quattro stagioni non vi garantirebbe nessun vantaggio economico ed avrete prestazioni migliori su tutte le superfici.
Se percorrete pochi km l’anno avete un problema, che il battistrada sia esaurito oppure no, dopo tre anni dovreste comunque sostituire i pneumatici, gli sbalzi di calore a cui sono sottoposti e l’esposizione alla luce solare invecchia i pneumatici e ne degrada le prestazioni, per la vostra sicurezza dovreste sostituirli comunque. Col tempo, il calore e la luce, anche i migliori pneumatici quattro stagioni induriscono la mescola e se vi limitate a misurare solo il battistrada, anche dopo molti anni e molti km percorsi potrebbero sembrarvi in buono stato, ma non lo sono. Per questo se scegliete di utilizzare due treni di gomme, percorrete pochi KM l’anno, e li sostituite dopo tre anni, la spesa totale sara’ certamente piu’ alta che non se avreste scelto di dotarvi di un solo treno di gomme 4 stagioni da mantenere installate in tutte le stagioni.
Il vero confronto da fare e’ su quanti KM che percorrete ogni anno.